Cibo per cani

Salta alla navigazione Salta alla ricerca
Per altri usi, vedi Cibo per cani (disambiguazione).

Il cibo per cani è un alimento appositamente formulato e destinato al consumo da parte di cani e altri cani correlati. Come tutti i carnivori, i cani hanno denti affilati e appuntiti e hanno brevi tratti gastrointestinali più adatti al consumo di carne. Nonostante questo disegno carnivoro naturale, i cani sono ancora riusciti ad adattarsi nel corso di migliaia di anni per sopravvivere con gli scarti di carne e non carne e gli avanzi dell'esistenza umana e prosperare su una varietà di cibi.

Solo negli Stati Uniti, il mercato del cibo per cani dovrebbe raggiungere 23,3 miliardi di dollari entro il 2022.[1]

Storia

Nel 37 aE Virgil parla della sua alimentazione di cani Bucoliche:

Nec tibi cura canum fuerit postrema; sed una Veloces Spartae catulos, acremque Molossum, Pasce sero pingui:[2]

"Non lasciare che la cura dei cani sia l'ultima, ma i veloci segugi spartani e il feroce Mastiff nutrono il siero"

Intorno al 70 EV, Columella scrisse il suo libro Sull'agricoltura in cui si rivolge all'alimentazione dei cani:

Cibaria fere eadem sunt utrique generi praebenda. Nam si tam laxa rura sunt, ut sustineant pecorum greges, omnis sine discrimine hordeacea farina cum sero commode pascit. Sin autem surculo consitus ager sine pascuo est, farreo vel triticeo pane satiandi sunt, admixto tamen liquore coctae fabae, sed tepido, nam fervens rabiem creat.[3]

"Le provviste di cibo sono quasi le stesse per entrambi [tipi di cani] Se i campi sono così grandi da sostenere mandrie di animali, il pasto d'orzo mescolato con siero è un alimento conveniente, ma se si tratta di un frutteto senza grano, farro o il pane di grano viene alimentato mescolato con il liquido dei fagioli cotti, ma caldo, perché bollire crea rabbia ".

Nel Avesta, scritto dal 224 al 651 CE, Azura Mazda consiglia:

Portagli latte e grasso con carne; questo è il cibo giusto per il cane.[4]

In Francia, la parola Patee cominciò ad apparire nel 18 ° secolo e si riferiva ad una pasta originariamente data al pollame. Nel 1756, un dizionario indica che era fatto di una miscela di briciole di pane e piccoli pezzi di carne dati agli animali domestici.[5]

Nel 1781 un'enciclopedia menzionava una precedente pratica di rimuovere fegato, cuore e sangue di un cervo abbattuto e mescolandolo con latte, formaggio e pane; e poi darlo ai cani.[6]

Nel 1844, lo scrittore francese Nicolas Boyard mise in guardia dai cani, anche se gli inglesi li preferivano (vedi sotto) e suggerì una zuppa aromatizzata alla carne:

Da un'economia sbagliata i cani ricevono scarti di carne e tombe di sego; bisogna evitare questo, perché questi cibi li rendono pesanti e malati; date loro due volte al giorno una zuppa di pane grosso fatto con acqua, grasso e il fondo della pentola; metti un mezzo chilo di pane almeno in ogni zuppa.[7]

In Inghilterra, si cura di dare ai cani particolari datteri alimentari almeno a partire dalla fine del diciottesimo secolo, quando Il dizionario dello sportivo (1785) descrisse la migliore dieta per la salute di un cane nel suo articolo "Cane":

Un cane ha una natura molto calda: non dovrebbe quindi mai essere senza acqua pulita da lui, che possa bere quando ha sete. Per quanto riguarda il loro cibo, la carogna non è affatto adatta a loro. Deve ferire il loro senso dell'olfatto, da cui dipende molto l'eccellenza di questi cani.

Farina d'orzo, scorie di farina di frumento, o entrambe mescolate insieme, con brodo o latte scremato, è cibo molto appropriato. Per cambiare, una piccola quantità di schinieri da cui il sego viene pressato dai chandlers, mescolato con la loro farina; o i piedi di pecora ben cotti o bolliti, sono una dieta molto buona, e quando li assumi con la carne dovrebbe sempre essere bollita. Nella stagione della caccia ai tuoi cani, è giusto dar loro da mangiare la sera prima, e non dare loro niente la mattina dopo averli tolti, tranne un po 'di latte. Se ti fermi per il tuo rinfresco durante il giorno, dovresti anche rinfrescare i cani con un po 'di latte e pane.[8]

(I ciccioli, che erano spesso raccomandati per i cani, sono "i sedimenti di sego fuso"cibo per cani In Scozia e in alcune parti degli Stati Uniti si chiama "crackling". "[9])

Nel 1833, Il maniscalco completo ha dato consigli simili ma molto più ampi sull'alimentazione dei cani:[10]

Il cane non è né completamente carnivoro né completamente erbivoro, ma di tipo misto e può ricevere nutrimento da carne o verdura. Una miscela di entrambi è quindi il suo cibo adatto,[11] ma del primo ha bisogno di una porzione maggiore, e questa parte dovrebbe essere sempre determinata dai suoi sforzi corporei.

Non è stato fino alla metà del 1800 che il mondo ha visto il suo primo cibo fatto appositamente per i cani. Un elettricista americano, James Spratt, ha inventato il primo trattamento per cani. Visse a Londra in quel periodo, assistette ai cani che circondavano un cantiere navale mangiando brandelli di biscotti scartati. Poco dopo ha introdotto il suo cibo per cani, composto da farina di grano, verdure e carne. Nel 1890 la produzione era iniziata negli Stati Uniti e divenne nota come "Spratt's Patent Limited".

Negli anni successivi, i biscotti per cani erano talvolta considerati sinonimo di cibo per cani:

I primi tre vincitori del premio durante la riunione di coursing a Great Bend sono stati addestrati su Spratt's Patent Dog Biscuit. Questo stesso cibo per cani ha vinto non meno di tre premi, tra cui una medaglia d'oro, all'Esposizione di Parigi appena chiusa. Sembrerebbe che la decisione dei giudici sia più che supportata dal risultato nel canile. Un altro buon cibo per cani è quello prodotto da Austin & Graves, di Boston. Anche loro sembrano incontrarsi con un grande successo nella loro linea.[12]

La carne di cane in scatola fu introdotta negli Stati Uniti con il marchio Ken-L Ration dopo la prima guerra mondiale come mezzo per disporre di cavalli deceduti.Gli anni '30 videro l'introduzione del cibo per gatti in scatola e del cibo per cani a base di carne secca dalla Gaines Food Co. Al tempo della seconda guerra mondiale, le vendite di cibo per animali domestici avevano raggiunto i $ 200 milioni. Negli anni '50, la Spratt's divenne parte del General Mills. Per le aziende come Nabisco, Quaker Oats e General Foods, gli alimenti per animali domestici hanno rappresentato un'opportunità per commercializzare sottoprodotti come fonte di guadagno redditizia.[13]

Alimenti pericolosi per i cani

Articoli principali: salute del cane § Alimenti pericolosi e salute del cane § Sostanze domestiche comuni

Un numero di alimenti umani comuni e di alimenti per la casa sono tossici per i cani, compresi i solidi del cioccolato (avvelenamento da teobromina), la cipolla e l'aglio (avvelenamento da tiosolfato, solfossido o disolfuro)[14]), uva e uvetta (causa insufficienza renale nei cani), latte (alcuni cani sono intolleranti al lattosio e soffrono di diarrea, il latte di capra può essere utile), noce moscata (neurotossico per i cani),[15]noci di macadamia, così come varie piante e altri materiali potenzialmente ingeriti.[16][17] Un elenco completo di sostanze velenose / tossiche può essere trovato sul sito web dell'ASPCA.[18]

Allergie alimentari nei cani e diete ipoallergeniche

I cani sono inclini ad avere reazioni allergiche avverse al cibo simili agli esseri umani. I sintomi più comuni di allergie alimentari nei cani includono eruzioni cutanee, gonfiore, prurito o pelle tenera e disturbi gastrointestinali come movimenti intestinali incontrollabili e feci molli.[19] Alcuni ingredienti nel cibo per cani possono provocare queste reazioni allergiche. Specificamente, le reazioni sono intese per essere iniziate dagli ingredienti delle proteine ​​nel cibo per cani, con fonti come carne di manzo, pollo, soia e tacchino che sono le cause più comuni di queste reazioni allergiche.[20][21] Sono disponibili numerosi alimenti per cani "nuove proteine" che sostengono di alleviare tali allergie nei cani.[22]

Diete ipoallergeniche per cani con allergie alimentari sono costituite da ingredienti limitati,[23] nuove proteine,[20] o proteine ​​idrolizzate.[24] Ingredienti limitati consentono di identificare gli allergeni sospetti che causano queste reazioni allergiche, nonché di evitare facilmente più ingredienti se un cane è allergico a più di uno.[23] Nelle nuove ricette di proteine, i produttori usano ingredienti che hanno meno probabilità di causare reazioni allergiche nei cani come l'agnello, il pesce e il riso.[20] Le proteine ​​idrolizzate non provengono da una fonte nuova; potrebbero avere origine da pollo o soia, per esempio. Le proteine ​​idrolizzate diventano nuove quando vengono scomposte in versioni irriconoscibili di se stesse, rendendole originali per i tratti gastrointestinali allergici.[24]

Senza cereali e basso contenuto di carboidrati

Alcuni prodotti alimentari per cani si differenziano come cereali o carboidrati per offrire al consumatore un'alternativa, sostenendo che i carboidrati contenuti negli alimenti per animali domestici sono riempitivi con poco o nessun valore nutrizionale. I carboidrati nel cibo per cani contribuiscono a circa 3,5 calorie di energia per grammo, lo stesso delle proteine ​​per il metodo Atwater modificato di calcolo dell'energia metabolizzabile.[25] Le diete senza cereali hanno creato una tendenza ad evitare gli alimenti per animali domestici. Tuttavia, un recente studio pubblicato in Natura suggerisce che i cani domestici sono in grado di metabolizzare i carboidrati.[26]

Problemi di contaminazione

melamina

Articolo principale: 2007 pet food ricorda

Nel 2007, in seguito a una serie di segnalazioni di insufficienza renale negli animali da compagnia, si è verificato un diffuso richiamo di alimenti per animali domestici a causa della contaminazione riscontrata negli ingredienti prodotti in Cina. Il contaminante è stato identificato come melamina[27][28][29][30][31] che era stato aggiunto come adulterante per simulare un contenuto proteico più elevato.

Salmonella e altre preoccupazioni

Recentemente, la FDA ha rilasciato un video incentrato su un'altra grande minaccia negli alimenti per animali domestici commerciali: Salmonella contaminazione batterica. Citano anche altre importanti tossine di preoccupazione.[32] Il video fa riferimento al caso di uno specifico impianto commerciale per alimenti per animali domestici che è stato anche oggetto di uno studio del marzo 2014 pubblicato sul Journal of American Veterinary Medical Association. Descrive in dettaglio come almeno 53 malattie umane conosciute siano state collegate agli alimenti per animali domestici commercializzati nello stabilimento nel 2012.[33] Una causa legale collettiva legata a questo focolaio è stata recentemente risolta.[34]

Il video cita anche i pericoli di una sovrabbondanza di nutrienti nel cibo per animali domestici. Uno studio pubblicato nel Journal of American Veterinary Medical Association nel febbraio 2013 ha suggerito una correlazione tra la malattia del fegato e la quantità di integrazione di rame nelle diete AAFCO.[35]

Inoltre "carenza di taurina" è stato trovato nei cani[36][37] e gatti[38] nutrito di diete commerciali destinate ad essere "complete ed equilibrate". Di solito non considerato un nutriente essenziale nei cani, la taurina è abbondante nella maggior parte delle carni intere sia crude che cotte,[39] ma è ridotto nelle diete estruse. I gatti richiedono più taurina nella loro dieta a causa del loro maggiore tasso di metabolismo delle proteine; la taurina è solitamente sintetizzata nel corpo dalla metionina e dalla cisteina, ma l'uso maggiore di questi amminoacidi nelle normali funzioni corporee significa che anche la taurina stessa deve essere fornita nella dieta.

Le osservazioni di cui sopra potrebbero anche essere spiegate dal fatto che la fonte di carne trasformata e altamente trasformata è meno ricca di taurina e dal fatto che parte della taurina viene denaturata durante l'estrusione. I gatti sono obbligati carnivori[40] e la loro dieta naturale consisterebbe in grandi quantità di carne intera - quindi quella che è stata definita "carenza di taurina" che causa cardiomiopatia dilatativa nei gatti, è più probabile che sia una carenza nella produzione di diete alimentari commerciali. La taurina è ora reintegrata artificialmente nella dieta dopo l'elaborazione nella produzione della maggior parte degli alimenti per animali domestici commerciali. Una dinamica simile si è verificata nella prima metà del XX secolo con un'epidemia di Pellagra[41] negli esseri umani che vivono negli Stati Uniti del sud.La causa è stata determinata come una carenza della vitamina niacina essenziale (B3), che veniva distrutto nella lavorazione di massa del mais. La niacina è stata reintegrata nelle diete meridionali e la malattia è stata sradicata.

micotossine

Nell'aprile 2014, l'aflatossina B1, una nota tossina cancerogena, melamina e acido cianurico sono state trovate in varie marche di alimenti per animali domestici importati a Hong Kong. Dal 1993, la FDA ha confermato le preoccupazioni relative alle tossine negli ingredienti per mangimi (di qualità animale), ma fino ad oggi non esiste alcun regolamento federale completo sui test delle micotossine in ingredienti di qualità alimentare (animali) usati per produrre alimenti per animali domestici.[42]

Nel 1997, la rivista "Food Additives and Contaminants" stabiliva che bassi livelli di varie micotossine potevano causare problemi di salute negli animali domestici, ed era stato trovato in ingredienti di qualità alimentare.[43]

Uno studio pubblicato nel Journal of Food Protection nel 2001 ha citato le preoccupazioni relative ai funghi (la fonte delle micotossine) negli alimenti per animali domestici e ha messo in guardia sul "rischio per la salute degli animali".[44]

Nel 2006, uno studio pubblicato nel Journal of Agricultural and Food Chemistry ha confermato le micotossine negli alimenti per animali domestici in tutto il mondo e ha concluso che la contaminazione delle micotossine nei cibi per animali domestici può portare a effetti cronici sulla salute degli animali domestici.[45]

Nel 2007, l'International Journal of Food Microbiology ha pubblicato uno studio che affermava che "la contaminazione da micotossina negli alimenti per animali domestici rappresenta una seria minaccia per la salute degli animali domestici" e li elenca: aflatossine, ocratossine, tricoteceni, zearalenone, fumonisine e acido fusarico.[46]

Uno studio del 2008 pubblicato sul Journal of Animal Physiology and Animal Nutrition ha rilevato livelli elevati di micotossine negli ingredienti grezzi utilizzati per il cibo per animali in Brasile.[47]

Uno studio del 2010 sulla rivista Mycotoxin Research ha testato 26 alimenti per cani commerciali e ha trovato micotossine a livello sub-letale. È stato determinato che l'esposizione a lungo termine a bassi livelli di micotossine confermate potrebbe comportare rischi cronici per la salute.[48]

Per tutti i motivi sopra esposti, si è sviluppata una tendenza attuale che va dagli ingredienti dei mangimi e agli ingredienti certificati USDA adatti al consumo umano.[49]

Cibo per cani commerciale

Una tazza di crocchette.

La maggior parte degli alimenti per cani acquistati in negozio sono realizzati con ingredienti di qualità alimentare (di grado animale) e sono disponibili in formato secco (noto anche negli Stati Uniti come crocchette) o una forma in scatola bagnata. Il cibo secco contiene il 6-10% di umidità in volume, contro il 60-90% in alimenti in scatola. I cibi semi-umidi hanno un contenuto di umidità del 25-35%. I proprietari di animali domestici preferiscono spesso cibo secco per motivi di convenienza e prezzo, spendendo oltre 8 miliardi di dollari in cibo secco per cani nel 2010 - un aumento del 50% dell'importo speso solo sette anni prima.[50]

Cibo per cani secco

La lavorazione degli alimenti secchi è molto apprezzata nel settore dell'alimentazione animale, in quanto rappresenta un modo efficace per fornire una produzione continua di mangimi in varie varietà poiché è efficiente dal punto di vista energetico, consente l'utilizzo di grandi quantità di mangime ed è economicamente vantaggiosa.[51] Per fare crocchette per cani, viene fatto un processo noto come estrusione.[51]

Struttura dell'estrusore

Un estrusore semplice è costituito da un cilindro, viti elicoidali e un dado (strumento per tagliare e modellare il cibo).[51] Alcuni estrusori negli Stati Uniti contengono anche un distributore di grassi, in cui la miscela di alimenti entra nella canna dell'estrusore attraverso una struttura a forma di imbuto.[52] Il grasso viene immagazzinato in un contenitore dove viene pompato attraverso uno scambiatore di calore e alimentato attraverso una linea collegata alla canna dell'estrusore con una valvola per impedire il riflusso di grasso.[52] Un dispositivo di misurazione collegato a questa linea consente il controllo delle quantità di grasso depositate nella miscela.[52] La pressione è applicata da viti elicoidali azionate da un motore.[52] La miscela alimentare viene modellata attraverso uno stampo al termine del processo di estrusione; permettendo al coltello da mosca di tagliare i mangimi estrusi.[52]

Processo di estrusione

La miscela di ingredienti per mangimi è solida a temperatura ambiente, pertanto, il processo di estrusione di questi ingredienti richiede una temperatura superiore a questa per ammorbidire o fondere la miscela e consentire la fluidità attraverso la canna.[51] Negli Stati Uniti, prima di entrare nell'estrusore, viene aggiunta acqua alla miscela di amido per elevare il contenuto di umidità al 20-35%.[52] Durante il processo di estrusione, le elevate quantità di pressione applicate alla miscela lo costringono ad entrare attraverso lo stampo prima di uscire completamente dall'estrusore.[51] Il materiale viene sottoposto a elevate sollecitazioni di taglio che generano calore che consente alla miscela di unirsi.[51] La temperatura nell'estrusore viene aumentata a oltre 100 gradi Celsius mediante l'uso di vapore, acqua calda o altre fonti di calore.[52] La pressione viene aumentata per consentire ai granuli di amido di gelatinizzare.[52] Il grasso utilizzato negli estrusori statunitensi viene quindi aggiunto alla miscela nella zona di misurazione dell'estrusore che consente l'incorporazione del grasso, ma senza compromettere la capacità di espansione del prodotto.[52] La miscela di alimentazione rimane nell'estrusore per solo da 15 a 120 secondi prima di uscire attraverso le aperture dello stampo.[52] Quando l'alimentazione esce dall'estrusore, viene sottoposta a quantità relativamente basse di calore e pressione, che determinano l'espansione del prodotto, creando il suo aspetto croccante "soffiato".[52] Il mangime viene espulso in una lunga sequenza in cui viene tagliato alla sua dimensione desiderata da un coltello a mosca rotante.[52] Poiché l'umidità di questo estruso è all'incirca dal 20 al 35% del suo peso, viene essiccata ulteriormente in un forno per ridurre il suo contenuto di umidità all'8-10%.[52]

Cibo per cani umido

Cibo per cani umido o in scatola è significativamente più alto in termini di umidità rispetto ai cibi secchi o semi-umidi.[53] Il cibo in scatola è commercialmente sterile (cotto durante l'inscatolamento); altri cibi umidi potrebbero non essere sterili. La sterilizzazione viene effettuata attraverso il processo di ribaltamento.[54] Un determinato alimento umido sarà spesso più ricco di proteine ​​o grasso rispetto a una crocchetta simile su base di sostanza secca (una misura che ignora l'umidità); dato l'alto contenuto di umidità del cibo in scatola, tuttavia, una maggiore quantità di cibo in scatola deve essere alimentata. Il glutine di cereali e altri gel proteici possono essere utilizzati nel cibo per cani umido per creare pezzi di carne artificiali, che assomigliano alla carne reale.

Processo di inscatolamento

Dopo che gli ingredienti sono stati combinati, vengono posti in un serbatoio alla fine di una macchina per l'inscatolamento.[54] Da lì, la miscela viene forzata attraverso un'apertura e su una lamiera, formando uno spessore da 8 a 12 mm.[54] Successivamente, la miscela viene riscaldata per cuocere completamente gli ingredienti.[54] Il riscaldamento può essere fatto attraverso i forni, le microonde o il riscaldamento a vapore.[54] Il foglio contenente uno strato di alimentazione viene fatto passare attraverso la fonte di calore che visualizza il calore nella parte superiore e inferiore del vassoio, consentendo alla temperatura interna di raggiungere 77 gradi Celsius al minimo.[54] Una volta cotta, questa miscela può essere direttamente messa in lattine per formare una pagnotta o può essere tagliata in pezzi "carnosi" per pezzi e formule di sugo.[54]

Processo di storta

Per gli alimenti per animali domestici in scatola negli Stati Uniti, un processo noto come storta viene impiegato per sterilizzare il prodotto usando il vapore.[55] È importante assicurarsi che la formulazione prodotta sia resistente alla contaminazione batterica e al deterioramento.[55] L'impasto ora inscatolato è posto in una storta in cui il vapore porta la temperatura fino a 121 gradi Celsius.[55] Per garantire che il calore raggiunga il centro della miscela, la lattina rimane all'interno della storta per circa 75 minuti.[55] Tuttavia, alcune storte di vapore sono in grado di raggiungere il centro del barattolo in soli 10 minuti.[55] 

Cibo per cani alternativo

Negli ultimi anni vengono vendute alternative al tradizionale cibo per animali domestici. Molte aziende hanno avuto successo nel targeting di mercati di nicchia, ciascuna con caratteristiche uniche. Alcune delle più popolari etichette per alimenti per cani sono:

  • Il gelato, detto anche preparato fresco, viene fornito in forma grezza o cotta (non lavorata), alcune delle quali sono preparate con ingredienti ispezionati, approvati e certificati dall'USDA per il consumo umano, ma formulati per gli animali domestici.[56] Parte di questa crescente tendenza è la commercializzazione di cibo per cani fatto in casa per i proprietari di animali domestici che vogliono la stessa qualità, ma non hanno il tempo o l'esperienza per farlo da soli.[57] L'idea è di saltare la fase di lavorazione che passa attraverso il cibo tradizionale per cani. Ciò causa meno distruzione della sua integrità nutrizionale.
  • Disidratato o liofilizzato è disponibile in forma cruda e cotta. I prodotti vengono solitamente essiccati all'aria o congelati, quindi disidratati (liofilizzati) per ridurre l'umidità al livello in cui vengono inibite le proliferazioni batteriche. L'aspetto è molto simile alle crocchette secche. I metodi di alimentazione tipici includono l'aggiunta di acqua calda prima di servire. C'è una certa preoccupazione per i nutrienti, come le vitamine, che vengono persi durante il processo di disidratazione.
  • Fresco o refrigerato, prodotto attraverso la pastorizzazione di ingredienti freschi. I prodotti sono leggermente cotti e quindi rapidamente sigillati in un pacchetto sottovuoto. Quindi vengono refrigerati fino al momento di servire. Questo tipo di cibo per cani è estremamente vulnerabile a deterioramento se non mantenuto a una temperatura fresca e ha una durata di 2-4 mesi, non aperto.
  • La dieta casalinga viene spesso in un secchio o in un pacchetto simile a Tupperware. In passato si pensava che fosse una dieta creata dai proprietari. Queste diete consistono generalmente in una qualche forma di carne cotta o di carne cruda, ossa macinate, verdure frullate, integratori di taurina e altri integratori multivitaminici. Alcuni proprietari di animali domestici usano integratori di vitamine umane, e altri usano integratori vitaminici specificamente progettati per i cani.[58][59] Di recente, le piccole aziende hanno iniziato a cucinare piatti a base di cane e poi a venderli tramite negozi specializzati o su Internet.
  • I cibi vegetariani per cani sono prodotti da diverse aziende. Di solito sono equilibrati e contengono ingredienti come farina d'avena, proteine ​​di piselli e patate invece di carne per fornire proteine. Il proprietario di un cane può scegliere di dare da mangiare a un cibo vegetariano per motivi etici e / o di salute o in caso di allergie alimentari estreme.

Contenuto

Molti alimenti per cani commerciali sono realizzati con materiali considerati da alcune autorità e proprietari di cani come inutilizzabili o indesiderabili.[60] Questi possono includere:

  • Farina di carne e ossa
  • Frattaglie (i cani selvatici, tuttavia, mangiano le frattaglie come parte vitale della loro dieta)
  • Digestione animale
  • Saccarosio e / o fruttosio
  • Sottoprodotti di origine animale

Gli alimenti per cani meno costosi generalmente includono meno carne e più sottoprodotti animali e cariche di cereali. I fautori di una dieta naturale criticano l'uso di tali ingredienti e sottolineano che i regolamenti consentono confezioni che potrebbero indurre un consumatore a credere che stia acquistando cibo naturale, quando, in realtà, il cibo potrebbe essere composto principalmente da ingredienti come quelli elencati sopra.[61]

4.8
5
12
4
1
3
1
2
1
1
0